Uno o più personaggi - soldati della Grande Guerra - ci accompagnano attraverso le stanze di Forte Belvedere raccontando la loro storia personale e descrivendo al tempo stesso le caratteristiche del sito, unendo aneddoti ed eventi storici locali e globali, aiutando il visitatore ad immedesimarsi negli stessi, ponendo interessanti parallelismi tra la guerra, il mondo intorno ad essa e il modo in cui il conflitto lo ha cambiato.

Intrecciando e passando dalla guerra alla letteratura, alla cucina, alla medicina, ai mezzi d'informazione o alla scienza del tempo, verranno illustrati aspetti peculiari ed inediti in una serie di pannelli in italiano, inglese e tedesco, forniti di elementi grafici e foto, esposti negli spazi del museo in sostituzione di quelli generici esistenti.

E' possibile imparare dagli errori del passato?

Quali sono le declinazioni moderne della guerra, al di fuori di classici "campi di battaglia", oggi?

Riusciamo a stimolare l'innovazione senza passare attraverso il conflitto armato?

Questi fondamentali interrogativi sulla contemporaneità saranno il leitmotiv del viaggio di questi soldati e in fondo della nostra percezione su quel conflitto.

L’intenzione è ideare, scrivere e costruire un percorso che si sviluppi all'interno delle aree espositive di Forte Belvedere e che attraverso la visione e l'esperienza intima di quei soldati che ci hanno tramandato testimonianze dirette, prenda spunto per costruire alcuni personaggi e una narrazione realistica in grado di raccontare la Storia (in primis della Prima Guerra Mondiale e dei territori ed eventi ad essa collegati). Il percorso narrativo partirà da una base storica ma si affiderà alla letteratura, all'arte, alla scienza e proseguirà utilizzando le forme stilistiche dalla grafica, nella cinematografia e dei moderni supporti digitali per essere meglio compresa e fruita.